La balbuzie nei bambini, quando e come intervenire

La balbuzie nei bambini, quando e come intervenire

I consigli della logopedista, per riconoscere il disturbo e intervenire precocemente, per ridurlo o eliminarlo completamente


La balbuzie è un disturbo della fluenza con esordio nell’infanzia. Secondo le ricerche più recenti, alla base del disturbo vi è una componente genetica, ovvero si nasce con la predisposizione a balbettare. È l’interazione di più fattori a determinarne lo sviluppo e la gravità. Dunque il bambino che balbetta nasce con la predisposizione a farlo, ciò che lo circonda può migliorarne o aggravarne la condizione. La balbuzie si presenta con almeno una di queste caratteristiche, quali: ripetizioni di parola o parti (“il il il il gatto” o “il ga-ga-gatto”), i prolungamenti di suono (“sssono qui”) o i blocchi, ovvero quei momenti in cui la parola appare come bloccata.

Le ricerche ci danno un’ottima notizia: circa l’80% dei bambini che balbetta successivamente smetterà di farlo, solo un 20% continuerà in età adulta. Il compito degli adulti è quello di agevolare il processo di risoluzione, creando le condizioni migliori per garantire il benessere comunicativo. È quindi necessario intervenire il più precocemente possibile, per intenderci già dall’età di due anni e mezzo, per aumentare le possibilità di remissione. Al contrario, più si aspetta e più la balbuzie tenderà a radicarsi e il bambino percepirà la fatica nel parlare e tenderà a farlo sempre meno volentieri.

Gli interventi possibili sono diversi, dall’intervento indiretto, nel quale saranno i genitori ad interfacciarsi con il logopedista e ad apprendere le strategie comunicative migliori. In alcuni casi è indicato un trattamento “diretto”, nel quale il bambino sarà coinvolto nelle attività, sotto forma di giochi divertenti. Il consiglio dunque è quello di contattare un logopedista esperto in balbuzie, in grado di consigliare i genitori, valutando insieme il percorso migliore. A volte sono sufficienti pochi incontri per raggiungere ottimi risultati.

Ci sono strategie facilitanti la comunicazione che i genitori possono utilizzare. Prima fra tutte non fargli percepire la balbuzie come un problema, concentrandosi su ciò che dice e non su come lo dice. Un altro aspetto importante è mantenere il contatto oculare durante la conversazione e rispettare i suoi tempi, non mettendogli fretta mentre parla e evitando di incalzarlo con domande. I consigli come “respira” o “calmati” non lo aiutano; meglio rimanere in silenzio, ascoltarlo e aspettare che termini il discorso. Fornire un buon modello comunicativo è di grande aiuto, parlando con calma, facendo pause e adottando uno stile comunicativo rilassato.

Come viene indicato in uno dei motti dell’Associazione Americana per la balbuzie “Ci sono molti modi per aiutare i bambini che balbettano, non fare niente non è uno di questi”.

A cura di Maria Silvia Mazzocchi, Logopedista esperta in balbuzie

mazzocchimariasilvia@gmail.com – pagina Facebook: Maria Silvia Mazzocchi Logopedista

Condividi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati .*