http://www.bimbiparma.it/wp-content/uploads/2015/04/favicon.png MAMMA, ho scheggiato il dentino! Niente paura ci pensa FACEKIDS!

MAMMA, ho scheggiato il dentino! Niente paura ci pensa FACEKIDS!

MAMMA, ho scheggiato il dentino! Niente paura ci pensa FACEKIDS!

L’aumentato dinamismo della vita quotidiana ed il maggior coinvolgimento del bambino in attività sportive agonistiche ha causato un aumento dei traumi a carico del distretto oro-facciale. 3 soggetti su 10 subiscono una lesione orale di cui almeno uno è causato da incidenti durante l’attività sportiva.

In età pediatrica i traumi sui denti interessano dal 15% al 30% degli individui. In dentizione da latte il picco si raggiunge con i primi passi (20%, maggiormente maschi), mentre in dentizione definitiva, nella fascia d’età preadolescenziale (8-12 anni), con la pratica di sport di contatto (rugby, calcio, pallacanestro, baseball), pattinaggio, mountain bike e skateboard.

Quali denti sono maggiormente a rischio frattura?

Gli incisivi superiori centrali (nel 50% dei casi) e laterali superiori (30%), sia nei decidui che nei definitivi, anche se raramente il trauma interessa un solo dente.

Cosa fare se il vostro bambino si rompe un dentino?

Innanzitutto tranquillizzatelo e recuperate eventuali frammenti fratturati anche minimi. Il fattore tempo è fondamentale, quindi rivolgetevi immediatamente al pedodontista che valutarà l’entità del trauma, eventuali dislocazioni dei denti, alterazione dell’occlusione, fratture, esposizione della polpa, cambiamenti di colore e mobilità degli elementi dentali ed effettuerà analisi radiografiche e test di vitalità pulpare.

Come interverrà il pedodontista?

Si potrà procedere all’eventuale ricostruzione immediata del dente traumatizzato, al riattacco del frammento fratturato, o al reimpianto del/i dente/i avulsi, ove possibile. Un dente avulso ha buone probabilità di essere re-impiantato se è rimasto per un massimo di 2-3 ore in ambiente liquido (soluzione fisiologica, latte o saliva), ma il re-impianto e lo splintaggio temporaneo agli altri denti (per 2-4 settimane) devono essere accompagnati da controlli a distanza, per escludere l’insorgenza di complicanze.

E la prevenzione?

Per i piccoli sotto i 3 anni è bene limitare l’uso del girello (possibilità di cadute coinvolgenti faccia e denti) e l’uso del ciuccio (l’anello esterno, rigido, può provocare danni in caso di urti).

Per i ragazzini che praticano sport dinamici (equitazione, rugby, calcio, ciclismo, nuoto) utilizzare sempre caschi, paradenti e/o maschere facciali. Prenotate una visita specialistica se gli incisivi superiori di vostro figlio sono sporgenti o se respira a bocca aperta (rischio di frattura).

Da FACEKIDS troverete assistenza medica e sostegno psicologico.

Tel: 0521 035122 – Mail: info@facekids.it

Condividi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati .*